Terroir 1996 banner
IVES 9 IVES Conference Series 9 La zonazione viticola e i compiti dell’amministrazione regionale

La zonazione viticola e i compiti dell’amministrazione regionale

Abstract

Solo attraverso un adeguato intervento di estirpazione e reimpianto dei vigneti è possibile preservare, adeguare e valorizzare il patrimonio viticolo e le produzioni che da esso derivano.
Il reimpianto dei vigneti è pertanto da intendersi come una normale pratica agricola, alla pari della rimonta di stalla in campo zootecnico, ma può assumere toni problematici quando, come si verifica adesso in Toscana per una serie di circostanze legate alla profonda trasfor­mazione della viticoltura avvenuta negli ultimi 30 anni, troppi impianti giungono contem­poraneamente a fine ciclo produttivo e devono essere rinnovati.
NeIle operazioni di reimpianto (o di nuovo impianto) il viticoltore è tenuto a seguire tutta una serie di regole e, al tempo stesso, deve operare delle scelte: quanto meno un sito, un viti­gno, una tecnica (di impianto e di coltivazione).
Molte sono ormai le esperienze già maturate nel campo della zonazione viticola e frequen­ti sono i casi in cui la pubblica amministrazione ha promosso studi in questo senso, senza però ancora aver dato una collocazione a tale strumento nella più generale politica di piani­ficazione territoriale e nella disciplina autorizzatoria per la realizzazione di superfici vitate.
La composita e vivace realtà vitivinicola toscana, le tendenze evolutive verso una ulteriore qualificazione delle produzioni e diversificazione dell’offerta, unitamente alle esigenze di una pubblica amministrazione che si rinnova in una chiave di trasparenza, efficienza, snel­limento e semplificazione della propria attività amministrativa, mettono in evidenza come la zonazione viticola possa costituire a pieno titolo uno strumento di riferimento per il pubblico e il privato.
Nelle parti che seguono il tema della zonazione viticola viene analizzato sotto tre diversi profili:
– come strumento di valorizzazione del territorio;
– come orientamento nelle scelte dell’agricoltore;
– come riferimento nello svolgimento dei compiti della pubblica amministrazione.

DOI:

Publication date: March 2, 2022

Issue: Terroir 1998

Type: Article

Authors

STEFANO BARZAGLI

Regione Toscana – Giunta Regionale – Dipartimento della Sviluppo Economico
Via di Novoli, 26 – 50127 Firenze

Tags

IVES Conference Series | Terroir 1998

Citation

Related articles…

Dynamics of soil and canopy temperature: a conceptual approach for Alentejo vineyards

Climate change imposes increasing restrictions and risks to Mediterranean viticulture. Extreme heat and drought stress events are becoming more frequent which puts in risk sustainability of Mediterranean viticulture. Moreover row crops e.g. grapevine for wine, are increasingly prone to the impact of more intense/longer exposure time to heat stress. The amplified effects of soil surface energy reflectance and conductance on soil-atmosphere heat fluxes can be harmful for leaf and berry physiology.

Contribution of soil for tipifiyng wines in four geographical indications at Serra Gaúcha, Brazil

Brazil has a recent history on geographical indications and product regulation for high quality wines. The first geographic indication implemented was the Vale dos Vinhedos Indication of Procedence (

Development of a LC-FTMS method to quantify natural sweeteners in red wines

The quality of a wine is largely related to the balance between its sourness, bitterness and sweetness. Recently, molecules coming from grapes have been showed to notably contribute to sweet taste of dry wines. To study the viticultural and oenological parameters likely to affect their concentration, their quantification appears of high interest and subsequently requires powerful analytical techniques. Therefore, a new method using liquid chromatography coupled to high resolution mass spectrometry (LC-HRMS) was developed and validated to quantify epi-DPA-3′-O-β-glucopyranoside acid (epi-DPA-G) and astilbin, sweet molecules identified in wine. Three gradients were tested on five different C18 columns (Hypersil Gold, HSS T3, BEH, Syncronis and Kinetex).

Metabolomics for grape and wine research: exploring the contributions of amino acids to wine flavour

A critical aspect of wine quality is the overall expression of wine flavour, which is formed by the interplay of volatile aroma compounds, their precursors, and taste and matrix components.
Grapes directly contribute to wine only a small number of potent aroma compounds, and the unique
sensory attributes and perceived quality of a wine result from combining 100s of metabolites of grapes, yeast and bacteria, and oak wood.

Nitrogen isotope ratio (δ15N) as a tool to trace the major nitrogen source in vineyards

Aim: to elucidate if it is possible to detect variations in the source of nitrogen (organic vs. inorganic) measuring nitrogen isotope ratio (δ15N) in berries and to examine the degree of variation occurring for this parameter naturally within a vineyard.