Terroir 1996 banner
IVES 9 IVES Conference Series 9 Studio per la caratterizzazione delle produzioni vitivinicole dell’area del Barbera d’Asti DOC

Studio per la caratterizzazione delle produzioni vitivinicole dell’area del Barbera d’Asti DOC

Abstract

Il Barbera rappresenta sicuramente uno dei più importanti vitigni autoctoni del Piemonte occu­pando circa il 50% della superficie vitata regionale. Esso è ancora diffuso su un’area molto vasta, che si estende per oltre 200.000 ha, dando origine a diverse produzioni vinicole tutelate da denominazioni d’origine.
Fra queste il vino Barbera d’Asti mantiene il primato di produzione con i suoi 150.000 hl (dato stimato ’96), anche se la superficie, pur in un quadro generale di calo, è in sensibile diminuzio­ne.
Alla contrazione delle superfici degli ultimi anni i produttori hanno reagito con un progressivo innalzamento quai itativo della loro produzione che sta riscuotendo il gradimento del consuma­tore, con una riqualificazione del vino Barbera sui mercato nazionale ed intemazionale.
Si sta cosi ridisegnando la geografia del vigneto Barbera collocato preferibilmente sui versanti meglio esposti.
L’area del Barbera d’Asti, con una superficie iscritta a DOC di circa 9000 ha, è caratterizzata da una notevole variabilità degli ambienti che si esprime inevitabilmente nelle produzioni.
Alla luce di queste considerazioni la Regione Piemonte ha avviato nel 1997 uno studio di caratterizzazione sui Barbera d’Asti. Questo lavoro è stato inserito fra gli interventi di tipo strutturale che la Regione in applicazione del reg.CE 2081/93 objettivo 5b sta coordinando e finanziando sul territorio collinare allo scopo di orientare il settore vitivinicolo piemontese ad una riqualificazione delle sue produzioni enologiche.
L’objettivo è quello di verificare se esistono sostanziali differenze fra i vini Barbera d’Asti, prodotti nelle diverse zone dell’area a DOC, riconducibili a fattori oggettivi di carattere pedologico, climatico, viticolo ed enologico e di fornire elementi oggettivi per la definizione di sottozone.

DOI:

Publication date: March 2, 2022

Issue: Terroir 1998

Type: Article

Authors

A. CELLINO, M. SOSTER

Regione Piemonte, Assessorato Agricoltura – Corso Stati Uniti 21 – 10128 Torino, ltaly

Tags

IVES Conference Series | Terroir 1998

Citation

Related articles…

Influenza dei fattori dell’ambiente sulla risposta della pianta, e caratteristiche dell’uva della cv tannat prodotta in vigneti di tre zone climatiche dell’Uruguay

Grape typicity valorization can significantly enhance viticultural sector competitiveness to the extent that contributes to the development of a wine so distinctive and unique. This work leads to the characterization of the grapes through indicators expressing environmental effects.

Impact of the fumaric acid/glutathione pair addition before bottling on Cabernet Sauvignon wine quality

Over the last decades, climate change and rising temperatures have impacted the wine industry. Wines from warm regions tend to have a higher pH and lower total acidity.

Sensory evaluation of grape berries: predictive power for sensory properties of Sauvignon blanc, Riesling and Pinot noir wines

Sensory analysis of grape berries is a common tool to evaluate the degree of grape maturation and to make sound picking decisions.

DEVELOPMENT OF DISTILLATION SENSORS FOR SPIRIT BEVERAGES PRODUCTION MONITORING BASED ON IMPEDANCE SPECTROSCOPY MEASUREMENT AND PARTIAL LEAST SQUARES REGRESSION (PLS-R)

During spirit beverages production, the distillate is divided in three parts: the head, the heart, and the tail. Acetaldehyde and ethanol are two key markers which allow the correct separation of distillate. Being toxic, the elimination of the head part, which contains high concentration of acetaldehyde, is crucial to guarantee the consumer’s health and security. Plus, the tail should be separated from the heart based on ethanol concentration.

Feminin vs masculin: the sensorial opposition between chambolle-musigny and gevrey-chambertin wines and the socioeconomical construction of a terroir/taste wine paradigm

At least since de XIXth century, wine writers oppose quite often the wines from Gevrey-Chambertin to the wines from Chambolle-Musigny claiming that the former are more “masculine” (full-bodied, powerful tannins, leathery, rustic…) and the later more “feminine” (delicate, elegant, silky, flowery…).