Terroir 1996 banner
IVES 9 IVES Conference Series 9 Tutela legale delle denominazioni di origine nel mondo (con aspetti applicativi)

Tutela legale delle denominazioni di origine nel mondo (con aspetti applicativi)

Abstract

Uno degli aspetti più importanti nel commercio internazionale dei vini a denominazione è quello del riconoscimento dei diritti di esclusiva garantiti sui e dal territorio geografico d’o­rigine. Al fine di cautelarsi nei confronti della sempre più agguerrita concorrenza mondiale, è opportuno adottare adeguate protezioni ufficiali e legali delle denominazioni che possono derivare sia dalla “naturalità” del prodotto stesso che dalla “originalità” più particolare. Per proteggere è importante, quindi, conoscere la diversa valenza commerciale e giuridica che ciascun Paese attribuisce ai termini “marchio” e “denominazione”.
L’Accordo TRIPS – Ginevra, 15 dicembre 1993 – si fonda essenzialmente sulla con­statazione della insufficiente omogeneità e garanzia offerta dalle discipline legali, giuridiche e commerciali nei diversi Paesi per i marchi non industriali e tale disomogeneità comporta una grave distorsione del mercato internazionale con evidenti effetti, non solo nella pro­duzione ma anche sulla lealtà concorrenziale e sulla tutela del consumatore finale.
La legge italiana pone sullo stesso piano dei marchi, costituiti da indicazioni proprie del prodotto, le indicazioni sulla sua origine o provenienza geografica: cioè, quando il nome geografico identifica per il consumatore una qualità tradizionale o una caratteristica del prodotto, esso è tutelabile solo come denominazione d’origine.
I marchi collettivi, come è nota, sono segni distintivi usati da soggetti diversi, anche nello stesso momento, per contraddistinguere prodotti uguali o affini e sono destinati a garantire l’origine, la natura e le caratteristiche tipologiche di determinati prodotti o servizi. Il mar­chio collettivo non si limita quindi solo ad una funzione di notificazione. Quello che è deter­minante non è la semplice provenienza del prodotto, ma è anche la correttezza profession­ale degli imprenditori che fornisce affidamento al consumatore sulla qualità o sull’origine del prodotto. Quando coesistono questi segni distintivi legati ad un prodotto, è fondamen­tale predisporre un regolamento o disciplinare d’uso della denominazione di origine del prodotto, in cui si devono ricomprendere anche attività di controllo e sanzioni contro un uti­lizzo della denominazione contrario alle sue finalità, compreso quelli attuati dai produttori stessi.
La denominazione d’origine è, di solito, costituita da un nome geografico di località, città o regione, per uno specifico prodotto di una determinata zona, avente caratteristiche merceo­logiche o qualitative che derivano dall’opera dell’uomo o da fattori naturali, tipici dell’ambi­ente e dei fattori antropici di produzione.
Con l’indicazione di provenienza, invece, si indica un segno distintivo relativo ad un prodot­to ottenuto con metodi di produzione o di tecnica costanti, che non abbia caratteristiche essenzialmente collegate ad una certa zona geografica, quindi viene utilizzato per indicare essenzialmente il luogo di produzione.
Giustamente, una recente pubblicazione dell’Assocamerestero fa notare che non sempre l’indicazione di provenienza può essere intesa e registrata come denominazione d’origine, qualora questa crei “una situazione di ingiustificato privilegio” o comunque sia tale da recare pregiudizio allo sviluppo di altre analoghe iniziative nella stessa regione.
Proprio per i motivi sopra esposti e per le ancora troppo ampie disquisizioni formali e giuridiche generali e particolari sugli accordi bilaterali fra gli Stati (che hanno una legi­slazione in materia assai differente) diventa fondamentale definire e catalogare inter­nazionalmente un nuovo disposto giuridico che codifichi la denominazione da proteggere tale da non essere classificata come un marchio di impresa, o un marchio industriale, o un marchio solo collettivo, o una indicazione solo di provenienza poiché rappresentano solo “parziali” definizioni di supposta tutela dell’origine geografica del prodotto, del vino nel nostro caso.

DOI:

Publication date: March 3, 2022

Issue: Terroir 1998

Type: Article

Authors

GIAMPIETRO COMOLLI

Direttore Consorzio per la Tutela del Franciacorta, Erbusco (Brescia) – ltalia

Tags

IVES Conference Series | Terroir 1998

Citation

Related articles…

Mechanisms responsible for different susceptibility of grapevine varieties to flavescence dorée

Flavescence dorée (FD) is the most serious grapevine yellows disease in Europe. It is caused by phytoplasmas which are transmitted from grapevine to grapevine by the leafhopper Scaphoideus titanus.

The effect of wine matrix on the initial release of volatile compounds and their evolution in the headspace

There is evidence in the literature that non-volatile wine matrix can modify the release and therefore the perception of the compounds involved in wine aroma [1-3].

Towards adaptation to climate change in Rioja: Quality evaluation of wines obtained from Grenache x Tempranillo selections

The wine sector is of great relevance and tradition in Mediterranean countries, however, it may be most susceptible to climate change. In recent years, wine production is facing changes worldwide, both at environmental as well as commercial levels, due to global warming and the shift in consumers’ preferences. Wine growers and wine makers are in search of solutions that allow to face these new challenges. One of the most promising initiatives in the long term is the introduction of new plant materials, specifically intraspecific hybridizations between premium varieties that may improve traditional germplasm in its adaptation to climate change. These inter-varietal crosses have the potential to generate quality wines, whilst maintaining the regional typicity, and constitute an attractive alternative for the consumer due to their sensory attributes. In this study, we have evaluated wines from 29 intraspecific Garnacha x Tempranillo hybrids in two different locations, with the aim to assess their oenological potential and sensory attributes. Thirteen of the selections were white and 16 were red. Microvinifications were conducted with two or three replications depending on grape availability. Conventional oenological parameters were determined for all wines. The sensory evaluation and hedonic scores were given by five experts. Red selections obtained higher quality scores than white ones. Among the white selections with higher quality scores, GT-41 Varea and GT-159 Varea outstand, due to their high total acidity and high malic acid content. Regarding red selections, GT-57 Varea and GT-57 UR were perceived as higher in quality, highlighted for their moderate alcoholic and high anthocyanin content. Our results indicate that intraspecific hybridization may be a powerful tool for adapting traditional cultivars to climate change in Rioja.

Effect of kaolin foliar application on grape cultivar Assyrtiko (Vitis vinifera L.) under vineyard conditions

In the context of climate change and for the sustainable exploitation of Mediterranean vineyards, it is necessary to use new strategies to adapt to the new climatic conditions.

“Silex vitioeno module porte-greffe”: an information system to gather experimental results on grapevine rootstocks

Maintaining stable yields and quality over time is a major challenge for the wine industry. Within the context of climate change, the choice of the rootstock is an important lever for adapting to current and future climatic conditions. Within a vineyard, the choice of the rootstock depends on the environmental conditions, the scion variety and the objectives of production. Many experimental data on the performances of rootstock already exist and can guide our decision-making.