Il paesaggio delle alberate aversane ed il vino Asprinio

[English version below]

Nel corso del 2009, in alcuni vigneti allevati ad alberata in provincia di Caserta (Italia), è stata avviata una ricerca per valutare la variabilità genetica della popolazione del vitigno ‘Asprinio’, la condizione sanitaria delle piante e le caratteristiche del vino sia rispetto alla forma di allevamento (alberata tradizionale e controspalliera) che all’altezza della fascia produttiva. I primi risultati indicano la totale omogeneità genetica della popolazione del vitigno ‘Asprinio’, non essendo stati ritrovati campioni vegetali riferibili a biotipi diversi. I saggi immunoenzimatici ELISA hanno rilevato la presenza di GLRaV 1, GLRaV 3 e GVA in tutti i campioni, mentre l’analisi delle molecole aromatiche delle uve e dei vini, condotta mediante analisi SPME-GC/MS, ha messo in evidenza che le uve ‘Asprinio’, prodotte sulla fascia più bassa delle alberate, presentano una maggiore potenzialità aromatica, rispetto a quelle della fascia più alta o delle controspalliere. I vini prodotti con diversi protocolli mostrano parametri enologici (grado alcolico, livelli di pH a acidità totale) simili tra di loro ed a quelli riportati da autori della metà del XX secolo.

During 2009, in some vineyards grown on trees (alberata) in the province of Caserta (Italy), a study is carried out to assess the genetic variability of the ‘Asprinio’ grapevine population, the health condition of the plants and the features of the wine in relation to the breeding system (traditional alberata vs horizontal training system) and to the heigth of fertile shoots. The first results point out the genetic identity of the ‘Aprinio’ grapevine population, because no different bio-types were found. The immunoenzymatic essays ELISA revealed that all the accessions were infected by GLRaV 1, GLRaV 3 and GVA; whereas the determination of the aromatic molecules from grapes and wines, performed by SPME- GC/MS analysis, indicated that the ‘Asprinio’ grapes, grown on lower area of the alberata, show greater aromatic potential than those from highest level of the same or those from vertical training system. The wines, produced by different procedures, show oenologycal parameters (alcohol degree, pH and total acidity level) similar to each other and to those reported by some authors of the mid-twentieth century.

Authors: E. Spada (1), L. Paparelli (1), F. Scala (2), A. Monaco (2), P. Ferranti (3), A. Nasi (3), T. M. Granato (4)

1) Azienda Vitivinicola Tenuta Adolfo Spada – Galluccio (Caserta)
2) Dipartimento di Arboricoltura, Botanica e Patologia veg. – Facoltà di Agraria, Via Università 100 -80055 Portici
3) Dipartimento di Scienza degli Alimenti – Facoltà di Agraria, Via Università 100 – 80055 Portici Napoli
4)Dipartimento di Scienza molecolare agroalimentare – Facoltà di Agraria, Via Celoria 2 – 20133 Milano

Email: info@tenutaspada.it; felice.scala@unina.it; antonella.nasi@alice.it; tiziana.granato@unimi.it

Keywords: Asprinio, alberata, DNA, profilo aromatico
Asprinio, alberata, DNA, aromatic profile

Related Posts

Share via
Copy link
Powered by Social Snap